La Verkhovna Rada è andato contro Yushchenko

ucraino Speaker del Parlamento Volodymyr Lytvyn ha firmato la legge sulle elezioni presidenziali in nuova edizione, che Viktor Yushchenko ha posto il veto in precedenza.Nel frattempo, il capo dello Stato ha detto in precedenza che se il Parlamento avrà un documento che si intende contestare in tribunale.Parlamento ucraino Speaker Volodymyr Lytvyn ha firmato la legge sulle elezioni presidenziali in nuova edizione, che Viktor Yushchenko ha posto il veto in precedenza.Nel frattempo, il capo dello Stato ha detto in precedenza che se il Parlamento avrà un documento che si intende contestare in tribunale.legge

dovrebbe entrare in vigore dopo che è stato ufficialmente pubblicato sul sito della Verkhovna Rada e pubblica nella carta stampata con la didascalia Livitin.

Come ricorda RIA Novosti, la nuova versione della legge sulle elezioni presidenziali è stata adottata il 24 luglio alla sessione straordinaria della Verkhovna Rada.Il presidente Yushchenko, il 18 agosto ha posto il veto alla legge.Egli riteneva

che una serie di disposizioni del documento non soddisfa la Costituzione dell'Ucraina, e la loro attuazione può portare ad una violazione dei diritti e delle libertà dei cittadini costituzionali.In particolare, la legge abolisce i cosiddetti voti per corrispondenza che permettono di voto a casa coloro che sono limitati nei loro movimenti.

Il Segretariato presidenziale ha detto che il documento complica il meccanismo per monitorare le elezioni e ad abusi.La legge, in particolare, infatti, non prevede la possibilità di impugnare in tribunale i risultati delle elezioni, ponendo solo un paio di giorni.

Yushchenko ha posto il veto la maggior parte delle modifiche apportate alla legge attuale, approvando solo accorciando la campagna elettorale da 120 a 90 giorni.Tuttavia, il 21 agosto il parlamento ucraino attraverso maggioranza dei deputati del Partito delle Regioni e il Blocco Yulia Tymoshenko ha superato un veto presidenziale, dopo di che la legge è stata nuovamente inviata al presidente per la firma."Per superare il veto votato 325 deputati a 300 voti necessari in questo emendamento il presidente dell'Ucraina non fosse supportato.", - Dice la fonte, "Interfax".

Tuttavia, Viktor Yushchenko ha restituito i documenti al Parlamento senza la sua firma e ha promesso, in caso di firma della legge l'altoparlante per affrontare in tribunale.